VERSO AVIGNONE (HEADING TOWARDS AVIGNON)

October 15, 2019

 

 

Passato il confine italiano dopo Ventimiglia il 1° Ottobre, la meta era Avignone dove avrei dormito una notte al Kyryad Hotel di Courtine Gare per poi trasferirmi il giorno dopo a St. Remy de Provence. I paesaggi cambiano drasticamente dall'Italia alla Francia così come la qualità (ed il prezzo) delle autostrade, non tanto per l'asfalto quanto per la progettazione delle traiettorie e delle sicurezza, ma non mi dilungo. La cosa che mi ha subito colpito è stata la sobrietà dell'architettura francese che, come quella sassone in genere, sembra essere discretamente immersa nella natura circostante anziché collocata in modo posticcio nell'ambiente. Mancavo dalla Francia da più di un ventennio e ne sono rimasto affascinato. Niente brutture architettoniche, paesaggi naturali mozzafiato, rispetto per la natura, gentilezza umana. Persino le zone industriali hanno un decoro, mai squallide e sporche. Mi sono sentito circondato solamente di bellezza.

Il viaggio in autostrada verso Avignone è stato piacevolissimo ed ho dovuto fermarmi addirittura per togliere dalla mia "armatura" lo strato anti vento ed anti pioggia per il caldo che faceva. L'autostrada che porta da Ventimiglia ad Avignone non passa dalla costa ed anche questo è frutto di civiltà e intelligenza progettuale. Gli scenari ed i paesaggi naturali sono letteralmente stupendi con l'alternarsi di pianure inalberate, infiniti vigneti e rupi montagnose, il tutto accompagnato da luce e cielo profondamente diversa dalle nostrane. È come se l'aria fosse più tersa, ma può essere stata anche solo una mia impressione. sta di fatto che non ho visto nemmeno una ciminiera in giro.

Arrivato ad Avignone dopo 6 ore di viaggio mi rimaneva soltanto di scattare la foto d'ordinanza e fare il check-in al Kyryad. La seguente dormita è stata memorabile...

 

English translation

 

After crossing the Italian border just passed Ventimiglia on October 1st, the destination was Avignon where I slept one night at the Kyryad Hotel in Courtine Gare and then moved the next day to St. Remy de Provence. Landscapes change dramatically from Italy to France as well as the quality (and price) of motorways, not so much for the asphalt as for the design of trajectories and safety, but I won't dwell on this matter. The thing that immediately struck me was the sobriety of the French architecture which, like the Saxon one in general, seems to be discreetly immersed in the surrounding nature rather than just built within the environment. I haven't been absent to France for more than two decades and this time I was fascinated by it. No architectural ugliness, breathtaking natural landscapes, respect for nature, human kindness. Even the industrial areas have a decoration, never shabby or dirty. I felt surrounded only by beauty. 


The journey on the highway to Avignon was very pleasant and I had to stop even to remove the anti-wind and anti-rain layer from my "armor" due to the heat. The highway that leads from Ventimiglia to Avignon does not pass by the coast and this is also the result of civilization and design intelligence. The scenery and natural landscapes are literally beautiful with alternating raised plains, endless vineyards and mountainous cliffs, all accompanied by light and sky that is profoundly different from our own. It is as if the air was clearer, but it may have been just my impression. the fact is that I didn't see even just  a chimney around.

Arriving in Avignon after 6 hours of travel, all I had to do was take the order photo and check in at Kyryad. The following sleep was memorable ... 

 

Please reload

Featured Posts

TEDx 2017

September 18, 2017

1/4
Please reload

Recent Posts