The history of a video Part 5

November 18, 2015

Click on the above picture to access the video

 

In basso trovi la traduzione in italiano

 

The first shooting day started on August 26th 2015 at 9am at the Tata' Theatre. Everybody was spot on time and it was a very hot day. The temperature was hitting 40º Celsius and we had a long schedule ahead of us as the plan was to work until 8pm. I was trying to keep my broken right knee under the less possible strain and I was sincerely tired after months of endless working, songwriting, rehearsing and planning. I had taken care of writing down on paper the detailed time schedule of the two shooting days, including coffee and lunch breaks, and I asked Sabrina Angelini, the daughter of cinematographer Marina Giannotti, to help me dealing with it. At around 11am we were in the middle of the stage setup and well ahead of schedule. Everybody was working in a frenzy yet very determined and without wasting a single minute. That's what I mean by being professional. It felt like everybody had a strong sense of what was going on and seamlessly contributed to make it happen. The musicians were taking care of their instruments setup, following the stage layout and helping each other to save time. The lighting techs were setting up the spots under the direction of Marina Giannotti and Aldo Fornaro. A huge ladder and lots of tools crowded the black stage and the techs were working around the clock at aiming the lamps to the stage. The sound guys were almost entangled in bundles of cables, trying to set them up in the cleanest possible way. Microphones were set on their stands pointing to the instruments to pick up their vibrations. The stage box was filled with XLRs and slowly but surely the set was taking the right shape. The mains were plugged and suddenly sounds were coming out of our electrical gear. Hammond, piano, guitars and bass were coming to life while the drum kit was already moving the strongly conditioned air. Aldo Fornaro was directing the cameramen and Marina Giannotti was suggesting the lenses to use. We granted ourselves cigarette breaks out of the hall in the deep heat of the day, experiencing the hard temperature difference between the outside and the inside and everything was going according to the plan. We started rehearsing after lunch break and we indulged in the usual jamming, playing some blues as well as some Pink Floyd standards. Adjusting the monitors didn't take much time at all as we all agreed to keep the volume on stage to a minimum level, just to be able to listen to each other without punishing our ears. After some half an hour of jamming while the cameras were already capturing everything on hard disk we decided it was time to start shooting the concert. We took another half hour for dressing up and then we jumped on stage ready for the first song. The lights in the hall were all switched off except for the spots and suddenly the atmosphere I had in mind came alive. The director said the "action" word and off we went. We played at least three takes of each song and theoretically we had all the work done by day one. Obviously it wasn't the case. Yet we were so excited that everything had gone so well.

 

In reality the band performed splendidly and I felt very comfortable in playing and singing. The sound was good. The dynamics and the groove were in place and everybody was cool. Fabio, the keyboard player, was the one in charge of overlooking the band, cueing the parts when necessary and he worked like a maestro. Fabrizio's guitar playing was solid and spot on as well as Lorenzo and Pierpaolo on drums and bass. I had decided to play without the click to have a better live feel and it felt good. But the day had taken a heavy toll on me. I was mentally and phisically exausted although I knew I had another day ahead of me. But I was confident that most of the job was over. We all left the theatre around 7:30pm agreeing to meet back on location after lunch the day after. We left all the gear on stage, in a magical stillness in the dark. Back home I felt knackered yet very awake. I tried to get to sleep but I couldn't. Adrenaline was flooding my veins big time. So I decided to switch my Mac on and have a listen to the audio recording. I spent a couple of hours analysing the tracks and I came to a conclusion that happened to be my most important one. After some substantial night thinking I thought that the best and safest way to get the job done was to have Lorenzo drumming along a click. I just thought that in such a situation it would be definitely safer for technical reasons. Don't get me wrong, I absolutely love the way Lorenzo plays free, but in the case of a multi camera concert like this I needed to have more options. It would all depend on the quality of the footage. Indeed my intention was to choose the best musical take of each song, mix that and sync it to the footage shot for that particular take. Full live. But I thought, what if something's wrong with the footage and I can't use some clips of that take? That would have been a huge problem. Hence I decided to spend the entire second day playing all the tunes again with a click, three takes each to have a safe amount of footage to eventually sync just in case. By the time I had this clear in my mind I'd stretched my evening to 3am. Time to sleep.

 

I woke up around 9:30 of Thursday the 27th with a bad feeling. Unfortunately I got so exausted the day before that something had happened to me. The strong air conditioning of the theatre had totally strained my throat and I realised I was voiceless. I could barely speak yet luckily I didn't feel any pain. I was panicking, of course, and started to swallow drops of wallflower and water. I arrived at the theatre later in the morning and spent some time discussing the schedule with the director and the cinematographer, while we were setting up for the interview trying to keep the aircon at minimum speed. I wore a long scarf around my throat and kept drinking the wallflower concoction, hoping my voice would come to life again. Stefano D'Errico was the interviewer in charge as he could speak in English and I wanted to interact with whoever was asking me questions. The interview was very funny and I enjoyed it a lot while my voice was slowly recovering yet very far from full power.

 

The band showed up after lunch break and we quickly set up on stage. I felt uneasy at the mic as my voice was constantly breaking. My London experience came very handy again as I remembered the singing lessons I took with a great British vocal coach named Annette (Netty) Batam. She is an old and lovely lady and we adored each other. I frequently went for tea at her place just off the South Circular in Streatham Hill and I was a pupil of hers for almost a year. She taught me some fundamental techniques, very different from the standard ones I knew about. They all had to do with forced relaxation. When I was being mentored by Netty, I never thought I were to put those techniques into practice. I didn't sing when I was in London but somehow I had the desire to improve my vocal skills just out of sheer passion for music. You see, I absolutely love every single aspect of this art form. The playing, the composing, the recording, the singing, the mixing and everything else. It's always been my main drug. And so the time had come for me to make the most of that well stored treasure. I started to force relax my throat and vocal chords and after a while I felt I could safely sing without compromising them. The day started and we followed the new schedule with ease. We enjoyed some creative lighting on "The song that no one will sing" and Aldo got all the footage on hard disk. We finished very quickly and by 8pm we were all cheering, sipping bubbles in the foyer. I felt very relieved especially for the fact I had found the concentration and technique to sing with virtually no voice at all. Lorenzo drummed incredibly well along the click and the rest of the band was simply spot on in terms of dynamics and overall feeling. Everyone was visibly tired and excited at the same time. To me, a huge stone had finally dropped down from my shoulders, although more still weighed upon me.

 

To be continued...

 

TRADUZIONE IN ITALIANO

 

Il primo giorno di riprese e' iniziato il 26 agosto 2015 alle 9 di mattina presso il Teatro Tata'. Tutti erano in perfetto orario ed era una giornata molto calda. La temperatura arrivava a 40° ed avevamo un lungo programma davanti dato che il piano era quello di lavorare fino alle 20. Stavo cercando di mantenere il mio ginocchio destro acciaccato sotto il minor sforzo possibile e mi sentivo sinceramente stanco dopo mesi di lavoro senza fine, songwriting, prove e pianificazione. Avevo preso cura di scrivere su carta il piano dettagliato di lavoro dei due giorni di riprese, incluse pause caffe' e pranzo, e chiesi a Sabrina Angelini, la figlia della direttrice della fotografia Marina Giannotti, di aiutarmi a gestire il calendario chiamando la scaletta. Verso le 11 eravamo nel bel mezzo del setup del palco ed in largo anticipo sull'orario previsto. Ognuno stava lavorando freneticamente ma in modo molto determinato e senza perdere un solo minuto. Questo e' cio' che intendo per essere professionali. Si sentiva che tutti erano fortemente consapevoli di quello che stava succedendo, contribuendo a farlo accadere senza intoppi. I musicisti si occupavano del setup dei loro strumenti, seguendo il piano del palco e aiutandosi a vicenda per risparmiare tempo. I tecnici di illuminazione installavano i punti luce sotto la direzione di Marina Giannotti e Aldo Fornaro. Un enorme scala e un sacco di utensili affollavano il palco scuro e i tecnici lavoravano incessantemente al puntamento delle luci. I fonici erano quasi impigliati in matasse di cavi, cercando di configurarli nel modo piu' pulito possibile. I microfoni erano stati fissati sui loro stand, puntati verso gli strumenti per catturarne le vibrazioni. La stage box era piena di connettori XLR e lentamente ma inesorabilmente il set stava prendendo la forma giusta. Collegata l'alimentazione improvvisamente i suoni incominciavano a venir fuori dalla nostra strumentazione elettrica. Hammond, pianoforte, chitarre e basso iniziavano a vivere, mentre la batteria muoveva gia' l'aria fortemente condizionata. Aldo Fornaro dirigeva i cameramen e Marina Giannotti suggeriva le lenti da usare. Ci concedevamo pause sigaretta fuori dalla sala nel calore intenso della giornata, sperimentando la forte differenza di temperatura tra l'esterno e l'interno e tutto andava secondo i piani. Abbiamo iniziato a provare dopo la pausa pranzo, improvvisando dei blues ed alcuni alcuni standard dei Pink Floyd. Non ci abbiamo messo molto a sistemare i monitors dato che eravamo tutti d'accordo a mantenere basso il volume sul palco, quanto bastasse per essere in grado di ascoltarci a vicenda senza spaccarci le orecchie. Dopo quasi mezz'ora di jam, mentre le telecamere gia' filmavano tutto, abbiamo deciso che era il momento di iniziare le riprese del concerto. Abbiamo preso un'altra mezz'ora per vestirci e poi siamo saltati sul palco pronti per il primo brano. Spente le luci di sala ad eccezione degli spots, improvvisamente l'atmosfera che avevo in mente era adesso viva. Il regista ha dato il primo ciak e siamo partiti. Abbiamo suonato almeno tre takes di ogni brano e teoricamente avevamo tutto il lavoro fatto gia' dopo quel primo giorno. Ovviamente non e' stato proprio cosi'. Ad ogni modo eravamo entusiasti che tutto fosse andato cosi' bene.

In realta' la band aveva suonato splendidamente e mi sentivo molto a mio agio a suonare e cantare. Il suono era buono. La dinamica e il groove c'erano e tutti erano tranquilli. Fabio, il tastierista, aveva il compito di "dirigere" la band, chiamando le parti all'occorrenza ed aveva lavorato come un maestro. La chitarra di Fabrizio era stata solida e precisa cosi' come Lorenzo e Pierpaolo alla batteria e al basso. Avevo deciso di suonare senza il click per avere un miglior live feel e mi era piaciuto cosi'. Ma la giornata aveva preso un tributo pesante su di me. Ero mentalmente e fisicamente esausto, anche se sapevo di averne un'altra davanti. Tuttavia ero sicuro che la maggior parte del lavoro fosse finito. Avevamo lasciato il teatro intorno alle 19:30 accordandoci per il giorno dopo e lasciando tutti gli strumenti sul palco, in un magico silenzio nel buio. Tornato a casa mi sentivo spompato ma sveglio. Ho cercato di dormire ma non ci riuscivo. L'adrenalina mi inondava le vene. Così ho deciso di accendere il mio Mac ed ascoltare la registrazione audio. Ho trascorso un paio di ore ad analizzare le tracce e sono arrivato a una conclusione che poi si e' rivelata essere la piu' importante di tutte. Dopo un po' che pensavo ho deciso che il modo migliore e piu' sicuro per ottenere un lavoro eccellente fosse di suonare con un click. Ho pensato che in una situazione del genere, sarebbe stato sicuramente piu' sicuro per motivi tecnici. Non fraintendetemi, io adoro il modo in cui Lorenzo suona senza click, ma nel caso di un concerto in multi camera come questo avevo bisogno di avere piu' opzioni. Sarebbe tutto dipeso dalla qualita' del filmato. In effetti la mia intenzione era quella di scegliere la miglior take musicale di ogni brano da sincronizzare al montato girato per quella particolare take. Tutto completamente live. Ma ho pensato che se qualcosa non fosse andata bene con il filmato e non avessi potuto usare alcune clip di quella take cio' sarebbe stato un problema enorme. Quindi ho deciso di trascorrere l'intera giornata successiva a suonare di nuovo tutti i brani col click, tre takes ciascuno per avere una quantita' soddisfacente di filmati da sincronizzare alla fine. E intanto si eran fatte le 3 di mattina. Tempo di dormire.

Mi sono svegliato alle 9:30 di Giovedi 27 con una brutta sensazione. Purtroppo mi ero cosi' stancato il giorno prima che qualcosa mi era successo. La forte climatizzazione del teatro e le pause sigaretta mi avevano completamente ammazzato la gola e mi sono reso conto di essere afono. Riuscivo a malapena a parlare ma per fortuna non sentivo alcun dolore. Ero in preda al panico, naturalmente, e ho iniziato a ingoiare gocce di Erisimo disciolte in acqua. Sono arrivato al teatro in tarda mattinata ed ho trascorso un po' di tempo a discutere il programma con il regista e la direttrice della fotografia, mentre intanto ci preparavamo per l'intervista cercando di mantenere l'aria condizionata a regime minimo. Ho indossato una lunga sciarpa intorno al collo e ho continuato a bere l'intruglio di Erisimo, sperando che la mia voce tornasse in vita. E' stato Stefano D'Errico ad intervistarmi perche' era l'unico che parlasse in inglese e volevo interagire con chi mi faceva le domande. L'intervista e' stata molto sobria e mi sono divertito un sacco mentre la mia voce si stava lentamente riprendendo, sebbene ancora molto lontana dal mio standard.

La band e' arrivata dopo la pausa pranzo e abbiamo subito iniziato a sistemarci sul palco. Mi sentivo a disagio al microfono perche' la mia voce  si rompeva in continuazione. La mia esperienza di Londra mi e' tornata utile ancora una volta poiche' ricordavo le lezioni di canto che avevo preso con una grande vocal coach britannica di nome Annette (Netty) Batam. Lei e' una anziana ed incantevole signora e ci siamo sempre adorati. Mi capitava spesso di andare a prendere il the a casa sua appena fuori dalla South Circular Road a Streatham Hill e sono stato a lezione da lei per quasi un anno. Mi ha insegnato alcune tecniche fondamentali, molto diverse da quelle standard che conoscevo. Tutte avevano a che fare con il rilassamento forzato. Quando Netty era la mia mentore, non ho mai pensato che un giorno avrei messo quelle tecniche in pratica. A Londra non mi capitava di cantare, ma in qualche modo avevo avuto il desiderio di migliorare le mie capacita' vocali solo per pura passione per la musica. Vedete, io adoro ogni singolo aspetto di questa forma d'arte. Suonare, comporre, registrare, cantare, mixare e tutto il resto. E' sempre stata la mia droga principale. E cosi' era arrivato per me il momento di mettere a frutto quel tesoro ben conservato. Ho iniziato a rilassare forzatamente gola e corde vocali e dopo un po' ho sentito che potevo cantare senza comprometterli. La giornata e' iniziata e abbiamo seguito il nuovo piano con facilita'. Ci siamo goduti un po' di illuminazione creativa su "The song that no one will sing" e Aldo ha filmato tutto. Abbiamo finito molto velocemente e alle 20 eravamo tutti a brindare sorseggiando spumante nel foyer. Mi sono sentito molto sollevato soprattutto per il fatto che avevo trovato la concentrazione e la tecnica per cantare praticamente senza voce. Lorenzo aveva suonato benissimo anche con il click e il resto della band era stato semplicemente perfetto in termini di dinamica e feeling generale. Tutti eravamo visibilmente stanchi ed eccitati allo stesso tempo. Per me era come se un enorme peso mi fosse caduto dalle spalle, sebbene ce ne fosse ancora.

 

To be continued...

 

 

 

 

 

 

Please reload

Featured Posts

TEDx 2017

September 18, 2017

1/4
Please reload

Recent Posts