The history of a video Part 3

November 11, 2015

Click on the above picture to access the video

 

In basso trovi la traduzione in italiano

 

Uncertain. This is the only word I can use to describe this story. As I have already pointed out, the only certain thing for me was my vision. All the rest was...blurry. According to quantum physics, our reality is the one we actually create. First and foremost in our minds. That's actually been mathematically demonstrated thanks to Richard Feynman's incredible work. I have to say that in my case this theory has always been true. Every time I've had a clear vision of something, I've somehow managed to make it happen. But maybe I'm just stubborn.

Anyway, if you read my previous two posts you might think I put the band together first, then sorted out the location and then everything else. This is our normal "serial" way of thinking. Unfortunately nothing is as far from reality. The truth was that during 2015 the elements I needed to deal with in order to pursue my target came all up at the same time and I had to tackle them all simultaneously. That's a hell of a task, believe me. When the video was finished and online, I received a couple of messages from two bass players who were deeply disappointed about the fact I didn't get in touch to audition them although I had sent my songs for them to prepare. I kindly answered that unfortunately I was dealing with a million things at the same time and they slipped out of my mind and I apologized. Their response was far from understanding and one of them was very rude to me. I guess they belong to a huge category of unaware people. My instinct was right in not chosing them for the band.

 

Back to the story, I had a few more things to deal with before everything could be considered "in place". I knew I wanted a specific type of image for the footage. I envisaged contrast between the black background, the white lights and I was starting to think about what to wear too. This was another important detail to me. I never particularly liked the concept of "stage clothing" because it makes me think as not being myself when I'm on a stage. Therefore I wanted to wear something that would make me feel at ease and comfortable as in my normal everyday life. I chose to wear a splendid dark blue silk shirt tailor made by the guys at "La bottega gentile" coupled with liberty style light blue pants and black pointy boots. Obviously I needed someone to be in charge of the cinematography. A few years earlier I had been introduced to a photographer who I learned to appreciate for her fabulous taste in colour and pictorial edge. Marina Giannotti was therefore my choice. I talked to her about the project and she showed a sincere interest. It was around the end of June 2015 when a series of brainstorming meetings between Marina, the movie director and I took place. I can't possibly describe the mix of excitement and exaustion as we were all very enthusiastic about the project but the heat of the summer was really unbearable. We extensively discussed about the shooting days and slowly my vision begun to broaden. I started to see the bigger picture as I realized that I didn't just want to shoot a simple live show. I mean, of course I did but at the same time I wanted to give some added value to the thing, like shooting some backstage action during the theatre setup as well as a short interview to put on an EPK. I expressed these ideas to the crew and we also agreed that Marina would prepare the questions for the interview, which I wouldn't know about until the shooting day. Again, I think of myself as a naked, elegant artist and this is the feeling I wanted to give to my possible audience through the interview. Naked because I use music and lyrics to express the deepest parts of me, my ghosts, my fears, my joie de vivre and my sometimes unbearable sorrow. I don't mind showing all this to people. I believe it's too tiring to keep everything in and I've done it for too long. Elegant because I see myself as an elegant artist who plays elegant music. But this is just my ego. Anyway this is who I am, what I feel and how I want to be perceived.

 

I've more than once mentioned the director of the video. His name is Aldo Fornaro and I'd known him for more than a year as he was one of my pupils of a course I lectured in. He is very young, creative and  passionate about video making and from the very beginning he showed great interest in my music and project. I invited him to come to shoot some rehearsal time around May and he gave me some examples of edited bits. We discussed about the result and we agreed on a common vision. I was adamant about the fact that I wanted the theatre footage to be as live as possible, as the whole band would play live, the music was to be recorded live and the overall feeling I wanted to come across had to be of bare reality. This is what suits my music, as even in its production I tend to stick to the very bone. I used to be into music mixing tricks, computer modding of audio tracks and so on. Luckily that phase has gone. If I had the chance today, I'd record an album in a couple of days with a full band playing live in a studio. That's how I like it.

 

Therefore Aldo and I agreed on the live feel and we started to gather the necessary equipment for the shooting. We had two Canon cameras, one Nikon (my father's), one Olympus and a few iPhones as well as a MiniDV Camcorder. Plenty of gear for the purpose. Aldo and his girlfriend Alessandra Luperti (who was to be one of the cameramen together with Aldo and Giuliano Lacava) understood perfectly what I wanted and agreed to work as a team with Marina, who then was entitled to direct the overall cinematography and lighting setup. Things were starting to fall into place according to my visionary plan, although this was happening at the beginning of August 2015, just three weeks before shooting time.

My legs were starting to tremble big time. One must consider the fact that I had involved plenty of people to make all this happen, I had the location booked, I'd found the recording service (I will talk about this in my next post), the technicians, the band. What if one single thing went wrong during shooting time? I started to think that I got myself in a very dangerous position. I tend to be the kind of person who feels over worried to disappoint those around me. Almost like I feel surrounded by expectations. That's why I was scared. Very scared. And I also thought I only had two days to carry out my vision. Actually just the first step to it. But somehow my deep instinct was telling me that everything would be OK and the only thing I could do was to follow that instinct as well as trying to have as much as I could under control. What a task! Nevertheless I was very determined to go ahead and I dealt with the creeping fears. I have to say that the whole team around me behaved incredibly well. Everyone recognized the kind of effort I was pushing for and understood their unique role. Very much like pieces in a well oiled machinery. I call it team work, a very rare thing to find these days around here given the disarming brainwashed condition of the Italian contemporary society. Again I was lucky to find the right people.

 

To be continued...

TRADUZIONE IN ITALIANO

 

Incerto. Questo e' l'unico aggettivo che posso usare per descrivere questa storia. Come ho gia' sottolineato, l'unica cosa certa per me era la mia visione. Tutto il resto era ... sfocato. Secondo la fisica quantistica, la nostra realta' e' quella che realmente creiamo. Prima di tutto nella nostra mente. Il che e' stato dimostrato matematicamente grazie all'incredibile lavoro di Richard Feynman. Devo dire che nel mio caso questa teoria e' sempre stata vera. Ogni volta che ho avuto una chiara visione di qualcosa, in qualche modo mi e' sempre riuscito di realizzarla. Ma forse sono solo testardo.
In ogni caso, se avete letto i miei due precedenti post potreste essere portati a pensare che abbia in primis messo insieme la band, poi trovato la location e poi tutto il resto. Questo e' il nostro normale modo "seriale" di pensare. Purtroppo nulla e' cosi' lontano dalla realta'. La verita' e' che nel corso del 2015 gli elementi da gestire al fine di perseguire il mio obiettivo mi si sono presentati tutti allo stesso momento e ho dovuto affrontarli contemporaneamente. E' un arduo compito, credetemi. Dopo aver finito e messo on-line il video, ho ricevuto un paio di messaggi di due bassisti che erano profondamente delusi per il fatto che non li avessi contattati per un provino, anche se avevo inviato loro i brani da preparare. Ho gentilmente risposto scusandomi che purtroppo ero nel bel mezzo di un milione di cose da gestire e ricordare allo stesso tempo e che i loro contatti mi erano purtroppo passati dalla mente. La loro risposta e' stata tutt'altro che comprensiva e uno di loro e' stato molto scortese con me. Credo che queste persone appartengano alla grande categoria degli inconsapevoli. Il mio istinto ha avuto ragione nel non provinarli per la band.


Tornando alla storia, ho avuto un paio di cose a cui pensare prima che tutto potesse essere considerato a posto. Sapevo di volere un certo tipo di immagine per le riprese. Vedevo il contrasto tra lo sfondo nero e le luci bianche e stavo cominciando a pensare a cosa indossare. Questo era per me un altro dettaglio importante. Non mi e' mai piaciuto particolarmente il concetto di "abbigliamento di scena" perche' mi ha sempre fatto pensare di non essere me stesso sul palco. Volevo vestire qualcosa che mi facesse sentire naturale e confortevole come nella mia normale vita di tutti i giorni. Ho scelto quindi una splendida casacca di seta blu scuro, tagliata dai ragazzi de "La bottega gentile" accoppiata a dei pantaloni in stile liberty di colore blu leggero e stivali a punta neri. Ovviamente avevo bisogno di qualcuno responsabile della fotografia. Pochi anni prima avevo conosciuto una fotografa che ho imparato ad apprezzare per il suo gusto favoloso per il colore e la verve pittorica. Marina Giannotti e' stata quindi la mia scelta. Ho parlato con lei del progetto e ha mostrato da subito un sincero interesse. Questo accadeva intorno alla fine di Giugno 2015, quando Marina, il regista ed io abbiamo iniziato a fare degli incontri di brainstorming. Non posso descrivere il mix di eccitazione e stanchezza in cui eravamo. Tutti molto entusiasti del progetto, ma il caldo estivo era davvero insopportabile. Abbiamo ampiamente discusso dei giorni di riprese e lentamente la mia visione ha cominciato ad estendersi. Ho iniziato a vedere il quadro piu' grande quando mi sono reso conto che non volevo solo girare un semplice spettacolo dal vivo. Voglio dire, certo che si, ma allo stesso tempo volevo dare un valore aggiunto alla cosa, riprendere il dietro le quinte in teatro nonche' una breve intervista da usare per un EPK. Abbiamo parlato anche di queste idee e deciso che Marina avrebbe preparato le domande per l'intervista, che non avrei dovuto conoscere fino al giorno di ripresa. Anche in questo caso, penso a me stesso come un artista elegante e nudo e questa e' la sensazione che volevo dare al mio pubblico possibile attraverso l'intervista. Nudo, perche' uso la musica e testi per esprimere le parti piu' profonde di me, i miei fantasmi, le mie paure, la mia gioia di vivere e il mio dolore a volte insopportabile. Non mi dispiace mostrare tutto questo. Credo che sia troppo faticoso tenere tutto dentro e l'ho fatto per troppo tempo. Elegante perche' mi vedo come un artista elegante che suona musica elegante. Ma questo e' solo il mio ego. In ogni caso questo e' quello che sono, quello che sento e come voglio essere percepito.


Ho piu' volte citato il regista del video. Il suo nome e' Aldo Fornaro e lo conoscevo da piu' di un anno poiche' era stato uno dei miei allievi in un corso da me tenuto. E' un ragazzo creativo e appassionato di video making e fin dall'inizio ha mostrato grande interesse nella mia musica e nel progetto. Lo invitai a venire a girare in sala prove a Maggio e lui mi fece vedere il montato. Discutemmo del risultato e ci accordammo su una visione comune. Ero fermamente convinto che il filmato dovesse essere il piu' dal vivo possibile perche' tutta la band avrebbe suonato live, la musica sarebbe stata registrata dal vivo e la sensazione generale che volevo trasmettere doveva essere di nuda realta'. Questo e' cio' che va bene per la mia musica. Anche nella fase di produzione tendo a ridurre tutto all'osso. In passato mi hanno interessato ed incuriosito alcune strane tecniche di mixaggio, l'uso del computer per modificare le tracce audio e così via. Per fortuna quella fase e' passata. Se ne avessi la possibilita', oggi mi piacerebbe registrare un album in un paio di giorni con una band completa che suona dal vivo in studio. Mi piace cosi'.


Dunque Aldo e' stato d'accordo sul live feeling e abbiamo quindi iniziato a raccogliere il materiale necessario per le riprese. Avevamo due fotocamere Canon, una Nikon (di mio padre), una Olympus, un paio di iPhones e una videocamera MiniDV. Un sacco di roba per lo scopo. Aldo e la sua fidanzata Alessandra Luperti (una dei cameramen assieme allo stesso Aldo e a Giuliano Lacava) hanno capito perfettamente quello che volevo e hanno accettato di lavorare come in team con Marina, che poi ha avuto l'incarico di dirigere fotografia ed illuminazione. Le cose stavano cominciando ad andare secondo il mio piano visionario, anche se tutto cio' accadeva, all'inizio del mese di Agosto 2015, appena tre settimane prima dei giorni di ripresa.
Le mie gambe cominciavano a tremare non poco. C'e' da considerare il fatto che avevo coinvolto molte persone, avevo la location prenotata, avevo trovato il service per la registrazione audio (ne parlero' nel mio prossimo post), i tecnici, la band. Cosa sarebbe accaduto se una sola cosa fosse andata storta durante le riprese? Ho cominciato a pensare di stare in una situazione molto pericolosa. Io tendo a essere il tipo di persona preoccupata di deludere chi mi sta intorno, sentendomi circondato da aspettative. Ecco perche' avevo paura ed ero molto spaventato. E ho anche pensato che avevo solo due giorni di tempo per realizzare cio' che avevo in mente. In realta' solo un primo passo. Ma in qualche modo il mio profondo istinto mi diceva che tutto sarebbe stato OK e l'unica cosa che potevo fare era seguire quell'istinto cercando di tenere quanto piu' potevo sotto controllo. Ero molto determinato ad andare avanti e sono riuscito a gestire i timori striscianti. Devo dire che tutta la squadra intorno a me si e' comportata incredibilmente bene. Ognuno ha riconosciuto lo sforzo che stavo facendo e ha capito il proprio ruolo in esso in modo molto simile ai pezzi di una macchina ben oliata. Io lo chiamo lavoro di squadra, una cosa molto rara da trovare in questi giorni e da queste parti, data la disarmante condizione di lavaggio del cervello della società contemporanea italiana. Ripeto, ho avuto la fortuna di trovare le persone giuste.

 

To be continued...

 

 

 

 

 

 

 

 

Please reload

Featured Posts

TEDx 2017

September 18, 2017

1/4
Please reload

Recent Posts