The history of a video Part 1

November 5, 2015

Click on the above picture to access the video

 

In basso trovi la traduzione in italiano

 

As some of the virtual population might have noticed, I published a full live concert of mine on YouTube in September. Many are the reasons behind this decision. And they are mostly related to one and only issue. That is the fact that I'm actually starting from scratch in this new creative musical venture and I wanted to make a clear statement: THIS IS WHO I AM, AND LITTLE I CARE ABOUT ANYTHING ELSE. Coming from somebody like me, it's a very hard thing to say. I've always been quite sensitive to people's judgement, and still am somehow. This is due to my past experiences, first and foremost. And maybe I will post something about these, so that you will be able to understand a bit more about this relentless loner that I am and always have been. But this is not what this post is about. I just wanted to give you an idea of what was to produce the video itself. To most people, the result is the only sensory reward. Visually and audibly enjoyable, as I hope it came across. Yet the "backstage" took me a whole year of painstaking work. Especially considering the fact that I'm based essentially in the middle of nowhere. Yet, somehow I had a vision and I did find the strenght to pursue it. So far so good.

I started in July 2014 when I began writing new music in the song format. I just felt the urge to write lyrics to communicate certain things my own way. Hence the first song came out. It's called "Time to go home", and it represents the end of my long hiatus from the music business. I wrote the lyrics of the chorus and then my friend from London, Paul Eveleigh, wrote the rest of them. Now, to me the writing process is a pretty weird one. But I guess I'm not the only one who's got it this way. I put down my ideas on my iPhone with my guitar, singing weird mumbling bits. Then I start recording every part in my Pro Tools studio system. Which means I don't do this with the help of a band (actually I didn't have a band yet in 2014), but instead I start thinking about the whole arrangement in a way similar to the one of an orchestral music composer. Every part, every instrument, every beat, every word. Each one of these elements will eventually reach a chemical point of balance when I strangely feel the song is "finished". When do I feel that? I don't really know. It's just raw instinct. Of course the whole process (including mixing and eventually mastering) will probably take more than a month for one single song. And that's my own personal average composing time span at the moment. Maybe tomorrow it will be different.

So, I started in July 2014 and I wrote five tunes until June 2015. Same process. Same inspirational glitches. Same excitement. Same urge to communicate. The only difference was that I wanted to give it a go at writing the full English lyrics myself. I'm very happy with that too and it's actually challenging and fun at the same time.

Obviously, as you can imagine, the planning for the video shooting had already started at the end of 2014. I had to search for the following elements:

  1. Band

  2. Location

  3. Video maker

  4. Photogapher

  5. Recording service

  6. Sound engineers

  7. Lighting technicians

A hell of a task when you're alone, believe me.

Somehow the first one took me a whole year. I started rehearsing musicians in early 2015 and I had only one clearly in my mind as definitely being part of the band. That was Fabrizio Papa, the rhythm guitar player, who loved my music from the very beginning and showed great interest in joining the project. He then put me in touch with some drummers and bass players who didn't fit in the "sound". The process started to become a frustrating one, and if you're a musican/artist you know what I mean. In March 2015 I took a trip to Turin to rehearse with a drummer, another guitar player and a bass player. The drummer, Federico Ariano, is a very good friend of mine. He's a talented session drummer with tons of groove and experience. The rehearsals went very well and I was pleased about the rhythm section, comprising of Federico and Francesco Vecchia on bass.  When I came back to my town, Taranto, I was kinda split in two about which musicians to go for. Then I considered all the problems related to distance and travel and I decided to stick to a local band, also thinking that there must be good talent down here too!

Meanwhile Fabrizio had introduced me to a very young keyboard player, Fabio Ambrosini. A clear thing I had in my mind was the presence of a Hammond organ and a piano in my arrangements. Well, Fabio turned out to be the perfect match. And that was a struck of luck, and the moment things started to steer towards my direction. I had rehearsed a few drummers before, but none of them would fit, to my ears and taste of course. Nothing to say about talent and technique, but there's something that only an artist can sense about the way the skins of a drumkit are hit, which is very personal and can't be defined. Well, I hadn't find that "wathever" until May 2015 when an unknown drummer showed up out of some mutual contacts. Enter Lorenzo Guarino. Bingo. Great touch, plenty of talent and a pro attitude. Now the bass player's ordeal. Few rehearsed already. One was very good but not sure about his availability. Hence he dropped out. Frustration was almost liquid as it was almost July and I had the location scheduled for the shooting in mid August. There was nothing I could do other than keep going and searching.  I remembered seeing a young bass player a couple of years earlier, Pierpaolo Meuli, playing in a Who tribute band. He was out of town in July but I did send my material to him anyway. His response was more than positive and he started to study the material straight away. Meanwhile I had contacted other bass players just in case, but eventually preferred to stick to Pierpaolo trusting my instincts although we hadn't even had a rehearsal day. This was around the first week of August 2015, and I had the theatre booked for two days of shooting on the 26th and 27th of August. I was starting to be quite scared, actually. And this is not even considering the fact I sprayed my knee very badly (my right cross legament was gone...), the summer heatwave was unbearable and the organizational and logistics elements were not at all in place yet. But I had a vision. Like pictures in my mind. Ad I was very determined to make it happen.

The full band rehearsed the set (five tunes in total) on the 25th of August only. That was exactly the day before the first scheduled shooting day. Scary stuff. But I trusted my instincts. And I was right.

 

To be continued...

TRADUZIONE IN ITALIANO

 

Come parte della popolazione virtuale del net ha notato, ho pubblicato un mio concerto dal vivo su YouTube nel mese di Settembre. Molte sono le ragioni di questa decisione. E sono per lo piu' legate ad una questione, ovvero che sto ripartendo da zero in questa nuova avventura musicale e creativa e volevo fare una dichiarazione chiara: QUESTO E' CIO' CHE SONO E POCO MI INTERESSA DI TUTTO IL RESTO. Per uno come me questa e' una cosa molto difficile da dire. Sono sempre stato molto sensibile al giudizio della gente, e lo sono ancora in qualche modo. Cio' è dovuto alle mie esperienze passate, prima di tutto. Forse postero' qualcosa anche su questo argomento, giusto per permettere a chi ne abbia voglia di capire un po' di piu' su questo implacabile solitario che sono e che sono sempre stato. Ma per ora questo non e' l'argomento di cui trattero'. Qui vorrei solo dare un'idea di cio' che e' stato produrre il video stesso. Per la maggior parte delle persone, il risultato e' l'unica ricompensa sensoriale. Visivamente e sonicamente piacevole, come spero risulti essere. Eppure il "dietro le quinte" mi ha impegnato per un intero anno di lavoro certosino. Soprattutto se si considera il fatto che vivo essenzialmente nel bel mezzo del nulla. Eppure, in qualche modo avevo una visione e ho trovato la forza di perseguirla. Fin qui tutto bene.
Tutto e' cominciato nel luglio del 2014, quando ho iniziato a scrivere nuova musica in formato canzone. Sentivo il bisogno di scrivere testi per comunicare certe cose a modo mio. Da qui e' venuta fuori la prima canzone, "
Time to go home", che rappresenta la fine della mia lunga pausa dal mondo della musica. Ho scritto il testo del chorus e poi il mio amico londinese Paul Eveleigh ha scritto il resto. Il processo di scrittura di una canzone e' per me piuttosto strano. Ma credo di non essere l'unico. Metto giù idee sul mio iPhone con la chitarra, cantando strani mormorii. Poi comincio a registrare ogni parte nel mio sistema Pro Tools. Il che significa che non faccio questo con l'aiuto di una band (in realtà non avevo ancora una band nel 2014), ma invece comincio a pensare all'intero arrangiamento in un modo simile a quello di un compositore di musica orchestrale. Ogni parte, ogni strumento, ogni battuta, ogni parola. Ognuno di questi elementi finiscono poi per raggiungere un punto di equilibrio chimico quando sento stranamente che la canzone e' "finita". Quando mi sento cosi'? Non saprei. E' solo istinto. Naturalmente l'intero processo (compreso il mix ed eventualmente il mastering) prende probabilmente più di un mese per una singola canzone. E questa e' la mia durata media di scrittura di un brano al momento. Forse domani sara' diverso.
Cosi' ho iniziato nel mese di Luglio 2014 e ho scritto cinque brani fino al Giugno 2015. Stesso processo. Stessi problemi di ispirazione. Stessa emozione. Stesso desiderio di comunicare. L'unica differenza era che volevo provare a scrivere testi in inglese da solo. Sono molto felice per questa scelta. E' impegnativa e divertente allo stesso tempo.
Ovviamente, come si può immaginare, la pianificazione per la ripresa video era gia' iniziata alla fine del 2014. Ho dovuto cercare i seguenti elementi:

  1.     Band

  2.     Location

  3.     Video maker

  4.     Direttore della fotografia

  5.     Service per la registrazione audio

  6.     Ingegneri del suono

  7.     Tecnici luce

Un arduo compito quando si e' da soli, credetemi.
In qualche modo il primo della lista mi ha preso un anno intero. Ho iniziato a provare i musicisti nei primi mesi del 2015 e ne avevo solo uno chiaramente in mente che potesse far parte della band: Fabrizio Papa, il chitarrista ritmico, che ha apprezzato la mia musica fin dall'inizio e ha mostrato grande interesse ad aderire al progetto. Fabrizio mi aveva messo in contatto con alcuni batteristi e bassisti che pero' non avevano il "sound" che avevo in mente. Il processo iniziava a diventare frustrante, e se sei un musicista/artista sai cosa voglio dire. Nel Marzo 2015 ho fatto un viaggio a Torino per provare con un batterista, un altro chitarrista e un bassista. Il batterista, Federico Ariano, è un mio caro amico. E' un batterista di gran talento con groove da vendere e tonnellate di esperienza. Le prove mi avevano lasciato soddisfatto della sezione ritmica, composta da Federico e Francesco Vecchia al basso. Tornato a Taranto ero lacerato pensando a quale direzione prendere. Poi considerando tutti i problemi legati alla distanza e ai viaggi e ho deciso di cercare una band locale, pensando che devono esserci talenti anche da queste parti!
Intanto Fabrizio mi aveva presentato a un tastierista molto giovane, Fabio Ambrosini. Una cosa chiara che ho avuto nella mia mente e' la presenza di un organo Hammond e di un pianoforte in miei arrangiamenti. Fabio si e' rivelato essere perfetto per la parte. Il che e' stato un colpo di fortuna, e da quel momento le cose hanno iniziato a girare per il verso giusto. Avevo provato un paio di batteristi in precedenza, ma nessuno di loro mi soddisfaceva. Niente da dire su talento e tecnica, ma c'e' qualcosa che solo un artista puo' percepire nel modo in cui le pelli di una batteria vengono colpite, che e' molto personale e non puo' essere definito. Tutto cio' non e' arrivato fino al Maggio 2015, quando un batterista sconosciuto, Lorenzo Guarino, mi fu presentato da alcuni contatti reciproci. Bingo! Ottimo tocco, gran talento e tanta professionalita'. Per ultimo il calvario del bassista. Ne avevo avuti gia alcuni in audizione. Uno molto talentato e con il giusto sound ma incerto sulla disponibilità. La frustrazione era quasi liquida mentre Luglio era gia' alle porte ed avevo le date dello shooting prenotate per meta' Agosto. Non c'era nulla che potessi fare se non andare avanti e continuare a cercare. Mi ricordavo di aver visto un giovane bassista di un paio di anni prima, Pierpaolo Meuli, suonare in una tribute band degli Who. Era fuori città a Luglio, ma gli mandai le tracce comunque. La sua risposta fu più che positiva e inizio' da subito a studiare il materiale. Intanto avevo contattato altri bassisti in caso ci fosse una eventuale defezione, ma alla fine ho preferito dare fiducia a Pierpaolo confidando nel mio istinto, pur senza nemmeno un giorno di prova. Questo accadeva intorno alla prima settimana di Agosto 2015, mentre il teatro era prenotato per due giorni di riprese il 26 e 27 di Agosto. Incominciavo ad essere molto spaventato. E questo senza considerare il fatto che avevo rotto il legamento crociato del mio ginocchio destro un paio di mesi prima, la canicola estiva era insopportabile e gli elementi organizzativi e logistici non erano affatto ancora a posto. Ma avevo una visione ed ero determinato a realizzarla.
Ho provato la set list (cinque brani in tutto) per la prima volta con la band al completo il 25 di Agosto, esattamente il giorno prima del primo giorno di riprese programmato. Mi sono fidato del mio istinto. E ho avuto ragione.

 

To be continued...

 

 

 

 

 

 

Please reload

Featured Posts

TEDx 2017

September 18, 2017

1/4
Please reload

Recent Posts