LA VIA DELL'ARTISTA (THE ARTIST'S WAY)

Aggiornato il: 27 dic 2019


C'è un libro, scritto da Julia Cameron ed intitolato "The Artist's Way", che si propone di aiutare tutti quegli artisti che trovandosi in un momento di crisi creativa, hanno bisogno di ritrovare sé stessi e la spinta verso la propria capacità partoriente. Mi pare che nel libro l'autrice si sia posta un obbiettivo alquanto ardito. Non voglio convincere nessuno delle mie opinioni al riguardo in queste mie poche righe ma a me sembra che l'oceano di testi di cui quello menzionato é solo una piccola goccia sia solo un cumulo di spazzatura. Per non parlare poi dell'abnorme mole di informazione digitale al riguardo di ogni forma d'arte possibile ed immaginabile: in teoria tutti potremmo diventare artisti, basterebbe passare un po' di ore al giorno davanti ad un computer a divorare in modo ossessivo tonnellate di YouTube. La gente ci crede davvero, questa è la cosa più inquietante. Una lobotomizzazione di massa nell'obbiettivo commerciale di vendere di tutto di più a legioni di imbecilli, e di imbecilli è pieno il mondo.

La verità è solo e soltanto una: si è artisti se, attraverso l'essere fino in fondo sé stessi, si shocka in qualche modo la gente. Salvador D'Ali, Jim Morrison, Jimi Hendrix, Andy Warhol, Dante Alighieri, Caravaggio, Picasso, Freddie Mercury, Carmelo Bene, tutta gente fedele a sè stessa. Fino in fondo. E da sempre essere se stessi è la cosa più difficile in assoluto, ma è anche il motivo ultimo per cui vivere. Il resto è soltanto chiasso. L'essere se stessi costituisce già di per sé un atto rivoluzionario in una società fatta di maschere e falsi d'autore (o meno). È esattamente ciò che gli artisti che ricorderemo ancora tra secoli hanno avuto il coraggio di fare o semplicemente hanno fatto e basta, senza alcun coraggio perché alla fine non potevano fare altrimenti. Il confine tra arte e follia é dunque estremamente labile.

Da sempre la massa (grandemente ignorante) ha confuso i concetti di arte ed intrattenimento, non afferrandone la profonda differenza. L'arte, infatti, non deve intrattenere. Non deve AFFATTO intrattenere. L'intrattenimento è operato da individui lontanissimi dall'essere artisti, il cui unico fine è quello di strappare applausi nell'obbiettivo di un compenso monetario. È importante che esista l'intrattenimento per motivi socio-economici, ma l'arte non ha nulla a che vedere con tutto ciò. Volete, o meglio, sentite di essere artisti? Siatelo allora. Basta essere sé stessi. Via le formule, via le tecniche da baraccone, via la concentrazione sul pubblico pagante. Via tutto. Un artista è tale quando è nudo e l'essere nudi è la più grande delle forme d'arte, perché da sempre l'essere umano teme il giudizio altrui, mortificando la propria essenza a causa di questa paura e dunque rinunciando alla propria bellezza. L'artista è appunto chi non teme affatto il giudizio altrui perché nella sua follia non riesce nemmeno a vedere chi lo può giudicare, e ciò È shockante.

C'è davvero bisogno di nuovo di artisti. Ce n'è un bisogno impellente in questa epoca in cui il nefasto fordismo da penoso sogno americano è arrivato al cuore perfino della forma d'arte musicale.

Dunque, vi sentite artisti? Siate voi stessi fino in fondo. Fino al fondo. Ed accettate il caro prezzo da pagare in cambio della impagabile sensazione di essere vivi.



English Translation


There is a book, written by Julia Cameron and entitled "The Artist's Way", which aims to help all those artists who, being stuck in a moment of creative crisis, need to find their inner self and the drive towards their own delivering ability again. It seems to me that the author has set herself a rather bold goal. I don't want to convince anybody of my opinions in these few lines but it seems to me that the ocean of texts of which the one mentioned is just a small drop, is just a pile of garbage. Not to mention the abnormal amount of digital information regarding every possible and imaginable art form. In theory we could all become artists: it would be enough to spend a few hours a day in front of a computer, obsessively devouring tons of YouTube video tutorials. People really believe that and this is the most disturbing thing. A mass brainwashing with the commercial goal of selling all and everything to legions of idiots, and the world is indeed full of them.


The truth is only one and only one: the artist is he who, through being completely himself, somehow shocks people. Salvador D'Ali, Jim Morrison, Jimi Hendrix, Andy Warhol, Dante Alighieri, Caravaggio, Picasso, Freddie Mercury, Carmelo Bene, all of them were true to themselves. Until the end. Being oneself is the most difficult thing ever, but it's also the ultimate reason to live. The rest is nothing but noise. Being oneself constitutes a revolutionary act in a society made up of masks and false copycats. This is exactly what the artists that we will still remember for centuries ahead have had the courage to do or have simply done with no courage at all but simply because in the end they could not do otherwise. The line between art and madness is therefore extremely thin.


The mass (largely ignorant) has always confused the concepts of art and entertainment, without grasping the profound difference between the two. In fact, art must not entertain. It must NOT ENTERTAIN AT ALL. Entertainment is the job of individuals who are far from being artists, whose sole purpose is to get an applause and some monetary compensation. Entertainment is important for socio-economic reasons, but art has nothing to do with it. Do you want, or rather, feel you are an artist? Be it then. Just be yourself. Throw away the formulas, the freaky techniques, the concentration on the paying audience. Away with everything. The artist is naked and being naked is the greatest of art forms, because human beings have always feared the judgment of others, mortifying their essence because of this fear and therefore renouncing their own beauty. The artist is precisely who does not fear the judgment of others at all because in his madness he cannot even see who's judging him, and this IS shocking.


We really need artists again. There is an urgent need in this era when the nefarious American dream-like Fordism has reached the heart of even the musical art form. So, do you feel like an artist? Be yourself to the end. Down to the bottom. And accept the high price to pay in exchange for the priceless feeling of being alive.



#art #artist #love #photography #painting #design #arte #music #beautiful

32 visualizzazioni